Eventi - Incontri con scrittori, Cene letterarie, Lunedì da leggere...

Non tutto da buttare a Treviso

Il 16 ottobre al Centro Riciclo Vedelago un appuntamento per sensibilizzare le persone sui temi ambientali.

"Non tutto è da buttare", spettacolo dell' associazione Nausika sui temi del riciclo.

In scena gli attori Francesco Botti e Matteo Grotti reciteranno il testo di Federico Batini edito da Verdenero

sabato 16 ottobre 2010

Non tutto è da buttare

con Francesco Botti e Matteo Grotti

ore 9.30 Centro Riciclo Vedelago (Treviso)

Il 16 ottobre al Centro Riciclo Vedelago un appuntamento per sensibilizzare le persone sui temi ambientali. "Non tutto è da buttare", spettacolo dell'associazione Nausika sui temi del riciclo. In scena gli attori Francesco Botti e Matteo Grotti reciteranno il testo di Federico Batini edito da Verdenero

Il Centro Riciclo Vedelago (Treviso) e CIAL (Consorzio Nazionale Alluminio), oltre al lavoro di recupero dei materiali della raccolta differenziata, è impegnato in una massiccia campagna di formazione in sintonia con le Istituzioni di riferimento e che coinvolge tutti, a partire dai bambini. Proprio per questo a conclusione della IV Edizione del Progetto "CICLO E RICICLO – LA RACCOLTA DELL'ALLUMINIO IN CLASSE – EDUCARE ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE" sarà presentato sabato 16 ottobre alle 9.30 lo spettacolo Non tutto è da buttare, la produzione dell'associazione Nausika di Arezzo, realizzata in collaborazione con Sienambiente, tratta dal libro omonimo di Federico Batini edito da Verdenero, la collana di noir ecomafia delle edizioni Ambiente. Protagonisti sul palcoscenico saranno gli attori Francesco Botti e Matteo Grotti, in un testo che affronta senza ipocrisie l'emergenza ambientale e il tema del riciclo.

Non tutto da buttare è uno spettacolo che affronta il tema dei rifiuti. Attraverso il racconto di uno strano incontro e della relazione che ne segue si tenta di rovesciare il problema trasformando gli stessi rifiuti in risorse ed opportunità, al fine di promuovere le corrette pratiche di smaltimento ed evitare la produzione di rifiuti inutili (confezioni, imballaggi, trasporti), oltre che incentivare il riciclo e riutilizzo creativo di ciò che c'è già. Il contatto occasionale tra un giovane alla ricerca di "un senso" e un uomo che ha cambiato la propria esistenza invita alla riflessione sul superfluo, su quanto di inutile c'è nella vita di ognuno di noi ogni giorno, sulla disparità tra varie zone del mondo. Tutto quello che sta mettendo in pericolo il nostro pianeta e la vita delle future generazioni, tutto quello che può cambiare non soltanto con le azioni dei governi ma anche con l'impegno quotidiano di ciascuno di noi.

Pensai che la separazione vera dell'uomo dal suo mondo, non è il fatto di consumare, tutto il contrario: è quello di non consumare più, gli oggetti, le cose che abbiamo non sono più oggetto di consumo, perché non vengono consumati, vengono acquistati come prolungamenti, e debbono sempre essere nuovi per tamponare l'ansia che abbiamo nei confronti del nostro stesso deperimento, del nostro non essere più nuovi.

Nel corso dell'anno scolastico 2009 – 2010 il progetto CICLO E RICICLO – LA RACCOLTA DELL'ALLUMINIO IN CLASSE – EDUCARE ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE ha coinvolto 19 Istituti scolastici per un totale di 6240 Alunni di tutte le età e grado per un totale raccolto e riciclato di KG 1899,5 equivalenti a 146116 LATTINE.

Un premio speciale sarà consegnato alla Scuola dell'Infanzia A.M. Bertacchini di Maranello (MO) per l'attività, le iniziative e il coinvolgimento di genitori, insegnanti e alunni in collaborazione con il Centro Riciclo Vedelago.

Associazione Nausika
Via Ombrone 24/26, 52100 Arezzo
0575 380468
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbiamo 18 visitatori e nessun utente online

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen