Il regolamento di LaAV

Letture ad Alta Voce

Nascita, scopi, modalità

Nascita

21 marzo 2009: la primavera della lettura.
Nasce LaAV: Letture ad Alta Voce
LaAV è fondata da Nausika – Scuola di Narrazioni “Arturo Bandini” ed aderisce all’associazione.

Scopi

LaAV è una rete di circoli che favoriscono la Lettura ad Alta Voce senza preclusioni di luoghi, tempi, spazi.
LaAV si serve anche di professionisti e organizza momenti di “spettacolo”  ed “eventi” legati alla Lettura, ma è, soprattutto, una rete di volontari che aderiscono al motto: IO LEGGO PER GLI ALTRI
LaAV vuole diffondersi con la velocità e la forza di un’epidemia e coinvolgere più persone possibile che, in ogni luogo, ad ogni ora, leggano per gli altri, in modo organizzato, disorganizzato, estemporaneo, programmato etc…
Le idee alla base di LaAV sono:
la Lettura ad Alta Voce è una pratica di civiltà;
la Lettura ad Alta Voce favorisce l’ascolto e la relazione;
la Lettura ad Alta Voce fa crescere le persone;
la Lettura ad Alta Voce è un modo per sviluppare competenze in chi legge e in chi ascolta;
la Lettura ad Alta Voce è un modo semplice ed efficace di fare volontariato culturale;
la Lettura ad Alta Voce è un potente antidoto alla crisi economica e morale;
la Lettura ad Alta Voce è semplice e fruibile;
la Lettura ad Alta Voce si può diffondere facilmente;
la Lettura ad Alta Voce non conosce limiti di età né di ceto sociale;
la Lettura ad Alta Voce è gradevole;
la Lettura ad Alta Voce tesse legami;
la Lettura ad Alta Voce sviluppa l’immaginazione;
la Lettura ad Alta Voce migliora la salute fisica;
la Lettura ad Alta Voce fa bene ai bambini, ai giovani, agli adulti, agli anziani;
la Lettura ad Alta Voce non fa distinzioni di generi;
la Lettura ad Alta Voce è coinvolgente;
la Lettura ad Alta Voce è un servizio;
la Lettura ad Alta Voce è utile;
la Lettura ad Alta Voce favorisce lo sviluppo umano equilibrato.

Modalità

LaAV nasce da Nausika – Scuola di Narrazioni “Arturo Bandini” ed è ad essa associata e collegata. La sede nazionale di LaAV è dunque presso l’associazione Nausika (Piazza Risorgimento 8, 52100 Arezzo).
LaAV è organizzata in circoli locali.
Ogni circolo organizza liberamente la propria attività che può comprendere:
Letture ad Alta Voce organizzate all’interno di librerie, bar, locali, centri commerciali;
Letture ad Alta Voce con appuntamento fisso in cui, grazie alla turnazione dei volontari si garantisce in un luogo e a degli orari che vi sia sempre qualcuno che legge qualcosa;
Letture ad Alta Voce in casa dei partecipanti, per scambiarsi letture e discuterne;
Letture ad Alta Voce continuate: vere e proprie maratone di lettura a turnazione;
Letture ad Alta Voce tematiche in relazione e collaborazione con ONG, associazioni, Enti, Aziende, o in autonomia, per affrontare un tema, celebrare una ricorrenza, favorire la discussione su qualcosa, attirare l’attenzione su un argomento…;
Letture ad Alta Voce come azione di strada: darsi un appuntamento, anche coinvolgendo più circoli, per fare una vera e propria invasione di letture (si consigliano le piazze centrali, le stazioni, i luoghi densamente abitati e solitamente non frequentati dalle attività culturali, i centri commerciali… e qualsiasi luogo);
Letture ad Alta Voce negli ospedali (in accordo con le ASL);
Letture ad Alta Voce nei centri giovanili;
Letture ad Alta Voce nei diurni e negli ospizi e case di riposo (si consigliano appuntamenti fissi ed una turnazione che garantisca continuità);
Letture ad Alta Voce in collegamento con altre manifestazioni o all’interno delle stesse;
Letture ad Alta Voce dentro le scuole o fuori…;
E tutto quello che desiderano per fare Letture ad Alta Voce…
Ogni circolo ha un responsabile, che tiene le fila e comunica tutte le attività al coordinatore provinciale. I circoli di ogni provincia fanno riferimento, tramite il proprio responsabile, al coordinatore provinciale. I coordinatori provinciali sono inizialmente nominati dal coordinamento nazionale, ma entro sei mesi dall’inizio dell’attività effettiva in quella provincia si debbono svolgere le assemblee generali LaAV provinciali. Nelle assemblee ogni circolo ha diritto ad un voto per ogni membro effettivo al fine dell’elezione del coordinatore provinciale. I membri effettivi potranno anche essere rappresentati tramite delega (ciascun membro effettivo può raccogliere fino a 3 deleghe di altri membri effettivi).

Scuola Annuale di Narrazioni

In ogni circolo si favorisce un’adesione formale a LaAV attraverso la sottoscrizione della tessera associativa di Nausika – Scuola di Narrazioni “Arturo Bandini”. La tessera annuale ha il costo di 10 euro per i singoli aderenti LaAV (5 vanno al coordinamento nazionale, 5 rimangono al livello locale), attraverso la tessera si acquisisce lo status di “membro effettivo”.
Ciascun circolo che abbia almeno 10 membri effettivi riceverà: un audiolibro o un piccolo manuale per la lettura ad alta voce ogni anno e un piccolo dono simbolico annuale per i membri effettivi LaAV (gli audiolibri e/o i manuali verranno spediti al coordinatore provinciale o direttamente al responsabile del circolo e potranno, liberamente, essere utilizzati per le iniziative LaAV). Riferimento per il tesseramento è il responsabile del circolo che a sua volta fa riferimento al coordinatore provinciale (che a riferimento a Nausika). I non associati che però offrono del tempo per leggere sono considerati “simpatizzanti LaAV”, gli associati sono considerati “membri effettiviLaAV”. La denominazione di “lettore LaAV” si acquista a seguito del superamento del corso base (gratuito, 3 giornate durante ArezzoFestival).
Per diventare lettore ufficiale LaAV occorre invece effettuare un corso residenziale intensivo di cinque giorni a prezzi convenzionati (nel prezzo è compreso anche il Kit del lettore LaAV).

I Circoli LaAV

I circoli LaAV sono liberamente costituiti attraverso una semplice richiesta di adesione. Per le attività si veda sopra nella sezione “modalità”.
Ogni provincia può avere uno o più circoli LaAV.
Ogni circolo ha uno o più responsabili, con mansioni organizzative, i responsabili dei circoli fanno, comunque, riferimento ad un coordinatore provinciale (unico per ogni provincia) che tiene le relazioni con l’organizzazione centrale. I responsabili dei singoli circoli si relazionano con il coordinatore provinciale per comunicare l’attività fissa e quelle variabili, estemporanee etc…
I circoli LaAV per essere considerati attivi devono garantire almeno due ore di Letture ad Alta Voce pubbliche alla settimana nella zona dove sono sorti, in collaborazione o meno con enti, esercizi commerciali, ospedali, scuole, Università, Centri Commerciali o qualsiasi altra tipologia….

I coordinatori provinciali LaAV

I coordinatori provinciali LaAV hanno le seguenti funzioni:
coordinamento delle attività dei circoli presenti nel proprio territorio e organizzazione di almeno un evento annuale provinciale;
comunicazione al livello nazionale di tutte le iniziative e di tutti i momenti fissi LaAV che si svolgono nella propria provincia da parte dei singoli circoli o di circoli riuniti o a livello provinciale;
eventuale nomina di un tesoriere o amministrazione diretta di fondi;
responsabilità circa il tesseramento annuale della provincia di riferimento;
partecipazione ad una riunione annuale dei coordinatori LaAV ospiti dell’Associazione Nausika – Scuola di Narrazioni “Arturo Bandini” (viaggio a carico del responsabile, vitto ed alloggio offerti dall’Associazione Nausika);
favorire e stimolare la partecipazione dei circoli coordinati alle iniziative nazionali LaAV;
favorire e stimolare la crescita di nuovi circoli LaAV nel proprio territorio;
partecipare attivamente con gli aderenti LaAV del proprio territorio provinciale almeno alle sezioni LaAV (completamente dedicate) di ArezzoFestival (14-24 giugno 2009 ed edizioni seguenti) e di Narrazioni Libera Tutti (3-5 luglio 2009 ed edizioni seguenti), proponendo Letture ad Alta Voce da realizzare in quell’occasione;
stimolare la crescita dei partecipanti rispetto alla Lettura ad Alta Voce diffondendo notizia sui corsi di formazione loro riservati (il corso base è gratuito e si svolge durante i Festival menzionati);
favorire la diffusione nei media della conoscenza della Lettura ad Alta Voce e di LaAV.
*Il logo di LaAV è stato disegnato da Gea Testi
You are here